“Qualunque cosa che
 
avrete fatto a uno di
 
questi piccoli
 
l’avrete fatta a me…. “

 


 
Fine lavori
(agosto 2009)
 

I lavori di completamento dell’Asilo di Nova Modica sono finalmente terminati. Ora presso la bella struttura potremo iniziare i progetti per la realizzazione dei quali l’abbiamo fortemente voluta.
Il “Progetto Nova Modica” ha come obiettivo quello di contribuire in modo significativo al miglioramento delle condizioni di vita di famiglie carenti, residenti nei comuni di Pescador, Nova Modica e Sao Josè do Divino, complessivamente circa 12.000 abitanti, combattendo forme di violenza e abbandono perpetrate nei confronti dei bambini e degli adolescenti, supportando le loro famiglie nella formazione e nella ricerca di un lavoro che possa offrire un nuovo stile di vita.
Il progetto ha previsto la realizzazione di nuovi ambienti utilizzabili per attività formative, di apprendimento ed orientamento nel mondo del lavoro ed anche produttive rivolte principalmente alle mamme, affinchè possano ricavare sostentamento per sé e per le proprie famiglie. Sono previsti anche corsi di formazione igienico-sanitari e psico-affettivi tenuti da personale locale specializzato ed in accordo coi servizi sociali.

 


 
Inizio lavori
(gennaio 2009)
 

L’esecuzione dei lavori è stata affidata a personale specializzato ed a manovalanza locale, offrendo quindi opportunità di lavoro per molte famiglie.
I materiali utilizzati, tutti di ottima qualità, sono stati acquistati direttamente da Francesca, riuscendo in tal modo ad economizzare moltissimo.

 


 
La 2a parte del progetto:
sogno irrealizzato di don Gianni !
 

Archiviando i numerosi documenti lasciati da don Gianni nella sua casa di Pescador ci è capitato tra le mani un biglietto che vi riportiamo così come l’abbiamo trovato scritto:
“Che ognuno di noi possa vedere Gesù Cristo nella persona del povero. Più disgustoso sarà il lavoro o le persone a cui accudire, più grandi saranno la nostra fede, il nostro amore e la gioiosa dedizione che dedichiamo a Nostro Signore, nascosto in questa sofferenza.”
Non sappiamo dire se siano parole sue o se le abbia riprese da altri. Certamente il fatto che lo scritto sia autografo significa quantomeno che intendeva farle proprie. Le opere realizzate ed i segni lasciati nelle persone che lo hanno incontrato dicono in ogni caso che don Gianni ha messo in pratica alla lettera il dettato Evangelico riportato in alto.
Il suo sogno era quello di riuscire a completare il “Centro Infantil Levy Simoes” a Nova Modica, ma le difficoltà economiche prima e la sua morte poi, non glielo hanno permesso. Noi, tutti insieme, unendo le forze, siamo riusciti nell’intento.
I locali della prima struttura dell’asilo confinavano con quella che abbiamo appena completato. Mancavano i rivestimenti, gli intonaci ed i pavimenti, l’impiantistica elettrica ed idraulica, gli infissi, le tinteggiature interne ed esterne, i mobili e le suppellettili necessarie per la gestione didattica e amministrativa.
Per portare a compimento la seconda parte del progetto sono serviti circa 35.000 euro.
Il contributo del “Novara Center” è stato determinante !


 
La 1a parte del progetto risale al 2002
 

La costruzione del “Centro Infantil Levy Simoes de Souza” di Nova Modica, tranne la primissima parte già esistente, era iniziata nel 2002 ed ultimata nel 2005 in collaborazione con l’Associazione “Sjamo” di Albenga.
Attualmente accoglie circa 300 bambini di età compresa tra 0 e 7 anni, suddivisi in tre classi dove studiano, apprendono la scrittura e la lettura, giocano e soprattutto consumano una volta al giorno un pasto completo ed equilibrato ed alla sera fanno ritorno nelle famiglie. Solo 4 di essi hanno una famiglia regolare col padre e la madre, gli altri vivono con la madre sola o con qualche parente (i papà spesso “non esistono” o sono emigrati negli Stati Uniti).