Una casa per la signora Janete


Già lo scorso anno, durante la nostra visita nel mese di luglio a Pescador, eravamo rimasti colpiti dalle condizioni miserabili nelle quali era costretta a vivere la signora Janete.
Coi suoi 4 figli alloggiava in quelli che praticamente erano i gabinetti della periferia di Pescador, senza acqua, senza luce, in uno spazio ridottissimo ed in condizioni assolutamente disumane.
Avevamo interessato il Sindaco, che inizialmente aveva promesso un intervento e successivamente la donazione di un piccolo appezzamento di terra per edificare una casetta semplice, semplice.
Le sue, come spesso accade da quelle parti, sono però rimaste soltanto promesse ed ecco che, grazie alla generosità di una famiglia italiana, abbiamo iniziato la costruzione di una casa dove Janete potrà vivere insieme ai suoi quattro figli ed al quinto che è in arrivo.
La Provvidenza è grande e don Gianni, che dall’alto ci guida, gioisce con noi e soprattutto con Janete.