Lettere di Don Gianni Sacco

 
L’amore deve portare al dono della vita.
In questo caso qualità e quantità sono la stessa cosa.
Se l’amore non porta a donare la vita non avrebbe
la qualità più importante: l’eternità.
Se l’amore non è capace di un dono eterno è solo
una delle peggiori illusioni.
Il Signore mi faccia capace di amore come Lui.
 
16.09.1992           don Gianni
 
 
* * * * *
 
Il chiedere suppone mancanza e povertà.
L’amore non è mai povero. Non è uno stagno
che si asciuga, ma è una fonte da cui zampilla
acqua sempre più pura.
Sarò felice quando riuscirò ad amare perché non sarò
più povero e sarò ricco della tua felicità.
 
25.09.1992           don Gianni
 
 
* * * * *
 
Capita di fare molta strada da soli, o accompagnati
da persone che si rivelano incapaci di tenere lo stesso passo.
Non bisogna perdere la speranza.
Quando meno si pensa arriva in punta di piedi
il compagno di viaggio che ti va bene.
L’intesa è rapida. Non ci vogliono tante parole.
Quando due sguardi si incontrano con la purezza
che viene dal cuore, l’amicizia è già un fatto compiuto.
La strada non perde le sue difficoltà. Le senti meno.
Le affronti con l’ardore giovanile nato dall’amicizia.
Capisci che puoi fidarti: il compagno è sempre
fedelmente al tuo fianco e ti incoraggia.
Quanto durerà il viaggio ?
Non importa. Basta sapere che è bello camminare così.
 
22.10.1992           don Gianni